• Pagine

  • Categorie

  • Ultimi

  • Convegni e Eventi

    Convegno del 01/06/2012

    "La cura delle persone in stato vegetativo: percorso diagnostico riabilitativo e aspetti etici"

  • Tag

  • Archivio

  • Perché ogni tanto gli arti si “addormentano”?

    Quella sensazione di insensibilità dopo troppo tempo passato nella stessa posizione non è (solo) una questione di circolazione sanguigna.

    Vi svegliate allarmati nel cuore della notte: andrebbe tutto bene, se non aveste perso, con il sonno, la sensibilità al braccio: dopo qualche attimo di panico l’arto sembra tornare a posto, in un crescente formicolio. Che cosa è accaduto?

     

    Nel linguaggio comune, diremmo che il braccio si è addormentato. Gli esperti parlano invece di parestesia, una temporanea e indolore alterazione della sensibilità. Si tende a collegarla al mancato afflusso di sangue nei muscoli, ma è più che altro dovuta a un problema nervoso. 

    STRADA INTERROTTA. Le fibre nervose negli arti (e nel resto del corpo) trasportano informazioni sensoriali, sotto forma di impulsi elettrochimici, fino al sistema nervoso centrale. Se subiscono una compressione la trasmissione del segnale è ostacolata, e l’informazione fatica a passare: in quella condizione possiamo avvertire un urto meccanico se ci urtiamo qualcosa, ma non una reale percezione sensoriale.

     

    RITORNO ALLA NORMALITÀ. Ogni tanto il disagio può essere causato dallo scarso afflusso di sangue all’area, che non consente ai nervi di ricevere l’ossigeno necessario e ostacola il loro lavoro: ma la circolazione sanguigna è solo una parte della spiegazione. La sensazione pungente di formicolio di quando l’emergenza sta per rientrare è dovuta invece a “segnali di scarico” delle fibre nervose ancora “confuse”.

     

    CAMBIA POSIZIONE. Come altri meccanismi automatici del corpo umano, la parestesia ha uno scopo protettivo: serve a evitare la morte dei tessuti. Anche quando siamo fermi a lungo nella stessa posizione compiamo in realtà e senza accorgercene continui aggiustamenti per mantenere l’omeostasi (l’equilibrio interno) dell’organismo. Quando per qualche ragione non lo facciamo, il cervello nota il disagio e lo porta alla nostra attenzione vigile, così che si possa provvedere. Nella maggior parte dei casi non è nulla che un cambio di posizione o una breve camminata non possa risolvere.

     

    Fonte: https://www.focus.it
     

    Redazione Sensus

    Casa di Cura Privata Le Terrazze S.r.l.
    I - 21035 Cunardo, Varese
    Via Ugo Foscolo 6/b
    Tel. +39 0332 992111
    Fax +39 0332 990074

    Email: info@clinicaleterrazze.com
    Email

    Contattaci